(Poco) Smart (Molto) Working

https://www.olibanumoverrunners.it/immagini_news/28-01-2022/1643381306-310-.JPG

La pandemia ci ha lasciato tanti strascichi, tra cui un nuovo modo di concepire il mondo.

La distanza obbligata e gli spostamenti vietati hanno incrementato lo sviluppo di nuove forme di relazioni virtuali. Pensiamo alla DAD nella scuola, alla FAD adottata nei corsi di specializzazione o allo smart working.

Su quest’ultimo vorrei concentrare maggiore attenzione. Il lavoro occupa tanto tempo nella vita di ognuno: c’è lo spostamento per arrivarci, la permanenza, la pausa pranzo e di nuovo il tragitto di ritorno. Mediamente dieci ore della nostra quotidianità.

Quando alcune aziende hanno proposto ai propri dipendenti la formula del lavoro da casa, credo che la maggior parte dei lavoratori ne abbia apprezzato gli innumerevoli (apparenti) benefici: posticipare la sveglia, non farsi inghiottire dal traffico cittadino, mangiare a casa ed evitare il tragitto interminabile del ritorno nell’ora di punta.

Tutti bellissimi vantaggi. In un primo momento. Con il protrarsi del tempo, infatti, si sono presentati anche dei significativi “contro”.
Da un punto di vista della salute fisica, stare inchiodato otto ore al pc senza avere la possibilità di alzarsi per un caffè al bar, piuttosto che al distributore automatico, impatta negativamente sul sistema circolatorio e sul metabolismo.

Senza parlare degli aspetti più prettamente psicologici. Le case moderne, progettate per famiglie proiettate sempre di più “fuori” le mura domestiche, hanno degli spazi ridotti.

Pensare, dunque, di conciliare il lavoro e le attività di tutto il resto della famiglia non è sicuramente semplice. Ricordiamo una simpatica pubblicità dove durante una riunione online, la protagonista si ritrova il marito in pigiama come sfondo.

Parliamo anche del ruolo terapeutico che a volte espleta il lavoro: quante volte, a seguito di discussioni col proprio partner, o pensieri di qualsiasi tipo, il semplice andare a lavoro diventa un rifugio, una zona di comfort dove poterci disintossicare da ciò che è accaduto in casa?

La condivisione con i colleghi, lo sfogo, la risata, fungono da elementi fondamentali per il ripristino di una certa serenità, permettendoci di tornare a casa con un mood più positivo.

Senza considerare il fatto che le aziende, immaginando il dipendente in smart working in una situazione “comoda”, arrivano a richiedere più tempo da spendere a lavoro (magari quello stesso tempo che prima si impiegava per tornare a casa) mantenendo però la stessa retribuzione.

Questo aumenta nel lavoratore un forte senso di frustrazione. Si sente incastrato in un limbo dove una situazione che porta alcuni benefici poi in realtà presenta anche il suo conto.

Non si sa per quanto ancora lo smart working farà parte delle nuove politiche aziendali e se mai si tornerà agli standard pre covid-19 (ho i miei dubbi). Invito però tutti a riflettere sull’effetto boomerang che questa formula “innovativa” comporta.

In uno scenario del genere è di vitale importanza ritagliarsi degli spazi: una passeggiata, due pagine di un libro, un bagno caldo con in sottofondo la nostra canzone preferita, una telefonata con un amico e, perché no, dedicarci a uno sport che possa ripristinare un contesto di relazioni sociali.

Questo è fondamentale per combattere il senso di alienazione che il lavoro da casa, in solitudine, comporta: ci restituisce il piacere della socialità, il gusto di dedicarci un po’ a noi facendoci sentire vivi e non solo robot da riunioni. Stimola motivazione e creatività, migliorando il nostro umore.

Tutto ciò che una volta, inconsciamente, accadeva proprio davanti al caffè del distributore automatico…

 

Alessia Pavoni
 


NEWS

Narcisista patologico: sintomo o cura?

Ultimamente mi capita di leggere, ascoltare frasi, definizioni o articoli...

Svincolo dalle figure genitoriali

Cosa si intende per svincolo dalle figure genitoriali? Nello sviluppo di...

Le Relazioni Terapeutiche

Quando si parla di “terapeutico” si pensa sempre a un lettino...

La Gravidanza ai tempi del Covid-19

La pandemia ha messo a dura prova tutti noi, a livello economico, di...

CALENDARIO GARE

TROFEO CITTA' DEI PAPI

Data gara: 18/09/2022
WE RUN LATINA

Data gara: 10/09/2022
PALESTRINA IN ROSA

Data gara: 10/09/2022
GENAZZANO A PERDIFIATO

Data gara: 04/09/2022
TROFEO S.AGOSTINO

Data gara: 07/08/2022
LA SPEATA

Data gara: 07/08/2022
UNA CORSA PER MAX

Data gara: 10/07/2022
LA JENNESINA

Data gara: 03/07/2022
PALESTRINA ARCHEOLOGICA

Data gara: 26/06/2022
WE RUN ROME

Data gara: 18/06/2022

Main Sponsor